L’amplificatore: un protagonista dell’impianto audio

Che cos’è un amplificatore? In un mondo sempre più tecnologico e digitalizzato parlare di amplificatori sembra inutile. E invece l’amplificatore rappresenta una componente essenziale quando si ha a che fare con un buon impianto audio, capace di rendere il suono vivo e brillante, intenso e adatto all’ambiente in cui l’impianto è posizionato; l’acustica, sia al chiuso che all’aperto, rappresenta infatti un elemento possibile da ottenere con un amplificatore di buon livello.
Se volete sapere tutto sugli amplificatori e poter scegliere consapevolmente un prodotto per l’acquisto allora il sito che fa al caso vostro è https://amplificatoremigliore.it/  dove potrete trovare tutto quello che serve sapere per comprare un prodotto in modo consapevole e coerente con le vostre esigenze.

Che cos’è quindi un amplificatore? E’ uno strumento che permette di trasformare un piccolo quantitativo di energia aumentandolo per ottenere un certo valore utile. E’ fondamentale se si vuole un impianto hi-fi completo, e che è composto da due parti: il diffusore che ha lo scopo di diffondere il suono in una specifica area e l’amplificatore che regola la potenza del segnale elettrico in cui si trova il messaggio sonoro.

L’amplificatore è utilizzato per ascoltare la musica da una sorgente che può essere un cd, un dvd, un file ma anche da un collegamento con un pc, un tablet o uno smartphone via bluetooth. Può essere utilizzato anche con i film.
L’amplificatore inoltre può essere a stato solido o valvolare. Queste due tipologie rientrano fra gli “amplificatori stereo” e il più diffuso è il modello a stato solido, nome dato in riferimento ai circuiti semiconduttori, e che usano la moderna tecnologia a transistor (come BJT o MOSFET); si dividono in classi tra cui le più frequenti sono le AB anche se di recente stanno trovando spazio anche le D e T capaci  di riprodurre segnali chiari.

Gli amplificatori valvolari detti anche “a tubo” sono invece la categoria preferita dagli amanti dell’audio. Sono caratterizzati dalla vecchia tecnologia a valvola termoionica con cui propongono un’ottima fedeltà di suono rendendolo particolarmente vellutato e definito, seppure siano onerosi e pesanti oltre che costosi.